EDICTVM AEDILICIVM VII – DE TABVLARIO ET ALBO CIVIVM VRBIS ROMAE (Sistemazione del Tabularium e del’Album Civium dell’Urbs)

Come previsto dal Foedus di costituzione dell’Urbs si stabilisce quanto segue.

I. Con questo editto viene istituito il nuovo sito internet ufficiale dell’Urbs, in sostituzione del precedente, all’indirizzo internet https://nrurbs.wordpress.com/

II. Su questo sito sarà consultabile l’Album Civium dell’Urbs ed il Tabularium, documenti ufficiali della Comunitas. Inoltre sono previste (come sul vecchio sito), la lista degli incontri dei Cives Urbis ed i Fasti Capitolini.

III . Il sito è in via di definizione è sarà completato, con le sezioni descritte, entro un mese da oggi. L’Album Civium è già nella sua versione definitiva.

Questo editto sostituisce il numero I del 16/01/2004.
DABAM ROMAE A.D. VI IDVS MAIAS ANNVN MMDCCLXIII AVC (Roma, 10 maggio 2010)

L FABR MARO ET M IVL PERVSIANVS AED VRB

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

EDICTVM AEDILICIVM VI – DE INCLVSIONE IN FORO VRBIS (Inclusione nella mailing list dell’Urbe)

L FABR MARO ET M IVL PERVSIANVS AED VRB CIVIBVS ROMANIS SPD

Noi, Aediles Urbis in carica per l’anno 2010 (MMDCCLXIII aVc) , emaniamo il seguente editto:

“La lista NR_Urbs@yahoogroups.com è riservata ai cittadini appartenenti alla Comunitas Urbs.

Sono ammesse eccezioni a tale norma esclusivamente nelle seguenti fattispecie:

– Praefectus Italiae, per il controllo sulla stessa lista delle disposizioni vigenti di Nova Roma;

– i fondatori della comunità dell’Urbs;

– cittadini che, pur avendo perduto lo status di appartenente alla Comunitas, hanno rivestito al carica di magistrato della stessa;

– altre persone che abbiano mostrato interesse a partecipare alla comunità di Nr Urbs, e che rientrino  nelle condizioni di appartenenza alla stessa. L’iscrizione alla mailing list decade se entro i tre successivi incontri (concilium civium), l’interessato non conferma con la propria presenza, la propria volontà di farne parte. Questa condizione è applicabile una sola volta per ogni cittadino di Nova Roma.

Su invito degli Edili Lucius Fabricius Maro e Marcus Quirinus Sulla, in carica lo scorso anno, ci attiviamo per il controllo delle condizioni di appartenenza alla mailing list suddetta e per le conseguenti  cancellazioni ed ammissioni entro cinque giorni dall’emanazione del presente editto.

Questo editto sostituisce i precedenti editti in materia.

DABAM ROMAE PRIDIE NONAS MAIAS

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

EDICTVM AEDILICIVM V – DE ASSEMBLEA VRBIS ET ELECTIONE AEDILIVM (ASSEMBLEA DELL’URBE ED ELEZIONE DEGLI EDILI)

Oggi, 18 aprile 2010, nella sede della Federalberghi sita in corso d’Italia 19, alle ore 11 si è adunato il concilium novae romae urbis.
Sono presenti:
Marcus Quirinus Sulla
Publius Fabricius Maro
( Aediles Urbis)
Titus Claudius Collatinus
Domitius Constantinus Fuscus
Publius Flavius Caesar
Aurelia Julia Pulchra ( per delega)
Marcus Julius Perusianus

Introduce i lavori l’aedilis M.Q.Sulla illustrando il contenuto di una mozione pervenuta da parte di tutti i cives presenti, in ordine alla quale viene richiesta la decadenza di cittadino dell’Urbs del civis Gaius Aurelius Vindex per non essere lo stesso presente alle ultime tre riunioni.
L’istanza è stata esaminata dai due aediles Marcus Quirinus Sulla e Publius Fabricius Maro che, ai sensi delle vigenti normative,  presentano per l’emanazione il seguente editto:

L’assemblea prende atto  dell’editto di cui sopra, il cui contenuto è dichiarato immediatamente esecutivo.

Prende quindi la parola l’aedilis M.Q.Sulla che presenta le proprie dimissioni dalla carica a causa di pressanti impegni esterni che gli impediscono di assicurare una soddisfacente attività.
Chiede quindi che venga avanzata richiesta di candidatura da parte di un altro civis, proponendo, da parte sua, che la carica vacante venga assunta da Marcus Julius Perusianus.
Quest’ultimo prende la parola, e dopo essersi assicurato della inesistenza di altre candidature, dichiara di accettare la nomina.
L’assemblea, dopo aver preso atto delle dimissioni dell’aedilis M.Q.Sulla, approva alla unanimità per acclamazione la nomina ad aedilis urbis di Marcus Julius Perusianus.
Si conviene che il civis Marcus Quirinus Sulla assuma la carica di Magister officiorum, cerimoniere in occasione di riunioni ed altre occasioni di incontro.
Su richiesta di Lucius Fabricius Maro e Marcus Quirinus Sulla  si procederà, in seguito,  allo scopo di non incorrere in una ipotesi di disparità di trattamento,  alla cancellazione dall’album civium di tutti i cives che eventualmente versino nella stessa situazione contestata al civis G.A.Vindex.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

EDICTVM AEDILICIVM IV – DE EXCLVSIONE EX FORO VRBI (esclusione della ml dell’Urbe)

Noi, Marcus Quirinus Sulla e Titus Claudius Collatinus, Aediles Urbis in carica per l’anno 2007 (MMDCCLX aVc) , emaniamo il seguente editto:

“La lista NR_Urbs@yahoogroups.com è riservata ai cittadini appartenenti alla Comunitas Urbs.

Sono ammesse eccezioni a tale norma esclusivamente nelle seguenti fattispecie: Praefectus Italiae Cittadini che, pur avendo perduto lo status di appartenente alla Comunitas, hanno rivestito al carica di magistrato della stessa.

Pertanto verranno cancellati dalla lista tutti coloro che non soddisfano le condizioni sopra esposte e non verranno accolte per il futuro richieste di iscrizioni che non soddisfino le condizioni richieste.

Al fine di inserire il presente EDICTVM nel Tabularium ed al fine di procedere all’eliminazione dalla lista di coloro che non posseggono i requisiti, viene nominato scriba Marcus Iulius Perusianus a cui vengono affidati i compiti suddetti.”

DABAM ROMAE A. D. VII KAL IAN ANNVM MMDCCLX AVC (Roma, 26 Dicembre 2008)

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

EDICTVM AEDILICIVM III – DE ASSEMBLEA VRBIS ET ELECTIONE AEDILIVM (ASSEMBLEA DELL’URBE ED ELEZIONE DEGLI EDILI)

PRESIDENTE E SEGRETARI DELL’ASSEMBLEA.

1. All’apertura di ogni Assemblea la presidenza è assunta temporaneamente dagli Aediles in carica congiuntamente, i quali raccolgono le candidature per la Presidenza dell’Assemblea e per i rogatores incaricati di verificare le operazioni di voto e verbalizzare i lavori dell’Assemblea medesima.

2. Il Presidente dell’Assemblea e i rogatores vengono eletti in prima seduta; in loro assenza le loro funzioni verranno esplicate da altre persone che l’Assemblea eleggerà in loro vece.

3. All’apertura di ogni seduta il Presidente dell’Assemblea richiama all’ordine i cittadini e quindi apre la seduta stessa.

4. Il Presidente dell’Assemblea non può votare né prendere parte alla discussione delle mozioni. Egli deve inoltre tenere un atteggiamento imparziale, fare rispettare il Foedus, il Regolamento e le precedenti decisioni dell’Assemblea. E’ esplicito compito del Presidente dell’Assemblea fare rispettare l’ordine, condurre la discussione e le votazioni.

5. Il Presidente dell’Assemblea redige l’elenco degli iscritti a parlare tenendo conto della successione cronologica delle prenotazioni dei medesimi. L’ordine può essere modificato a discrezione del Presidente dell’Assemblea, per permettere l’alternanza degli interventi a favore o contro la mozione in discussione o la continuità organica del discorso.

6. I rogatores dell’Assemblea procedono alla verbalizzazione dei lavori.

7. I candidati alla carica di Aedile non possono ricoprire la carica di Presidente di Assemblea.

QUORUM COSTITUTIVO.

8. L’Assemblea è validamente costituita quando è presente la metà più una dei cives registrati nell’album civium. In mancanza del quorum la seduta non può avere inizio. Constatato il Quorum, il Presidente da lettura dell’ordine del giorno presentato dagli Aediles e procede agli emendamenti dello stesso ove richiesto dalla maggioranza dei cives. L’ordine del giorno non può essere ulteriormente modificato in corso di Assemblea.

9. Se durante la seduta viene chiesto al Presidente dell’Assemblea di constatare la mancanza del quorum, ed egli la riscontra, deve immediatamente sospendere la seduta stessa. In mancanza di tale richiesta si presume l’esistenza del quorum.

VOTO.

10. Il voto compete ai cives che abbiano tale diritto in base allo Statuto.

11. In sede di votazione, le mozioni sono approvate a maggioranza semplice dei votanti, salvo nei casi in cui lo Statuto od il Regolamento d’Assemblea prevedano diversamente. Se il numero dei voti a favore è uguale a quelli contro, la mozione si considera non approvata. La maggioranza qualificata è costituita dai due terzi dei voti espressi, salvo che sia diversamente disposto. Gli astenuti vanno computati nel calcolo del quorum e nel risultato della votazione compaiono come astenuti.

12. Al termine del dibattito su una mozione od emendamento si passa direttamente al voto. A questo punto il Presidente dell’Assemblea ricorderà il tipo di maggioranza necessaria per l’approvazione. Successivamente procederà alla lettura della mozione od emendamento ed al termine darà inizio alla votazione. Dall’istante in cui essa ha inizio, il Presidente dell’Assemblea non accetterà alcuna mozione. Contati i voti, il Presidente dell’Assemblea annuncerà il risultato della votazione, specificando i voti a favore, contro, astenuti.

13. Prima che si proceda alla votazione ogni cives può richiedere che il Presidente dell’Assemblea verifichi la sussistenza del quorum.

14. Una volta annunciato il risultato del voto la mozione si considera approvata o respinta a seconda del conteggio dei voti.

RAPPRESENTANZA.

15. Un civis non può delegare ad altro civis il proprio voto.

16. Hanno diritto alla parola esclusivamente i cives dell’Urbs. Altre persone sono udite con il permesso del Presidente dell’Assemblea.

MOZIONI.

17. Nessuna mozione sostanziale può essere discussa se non rispetta, a discrezione del Presidente dell’Assemblea, l’Ordine del Giorno.

18. Il proponente di una mozione può votare contro la stessa ma non può parlare contro. E’ consentito, in ogni caso, ritirare la mozione prima della votazione.

19. La riconsiderazione di una mozione e quindi un secondo voto può avvenire solo con il consenso della maggioranza qualificata dell’Assemblea.

20. Le mozioni presentate all’Assemblea sono considerate ostruzionistiche su richiesta di voto in tal senso da parte di una sezione locale. Si procede alla votazione sul carattere ostruzionistico della mozione a maggioranza semplice. La mozione votata come ostruzionistica viene respinta.

CONDOTTA DELL’ASSEMBLEA.

21. Ogni civis che intenda parlare su una mozione deve iscriversi presso il Presidente dell’Assemblea.

22. Si può parlare solo dopo avere chiesto ed ottenuto la parola dal Presidente dell’Assemblea. Colui cheinterviene senza avere chiesto ed ottenuto la parola, dopo due ammonimenti ufficiali da parte del Presidente dell’Assemblea, può essere espulso. La durata dell’espulsione è determinata dal Presidente dell’Assemblea al momento della decisione.

23. Colui che ha la parola non può esserne interdetto se non nei casi esplicitamente previsti dal Regolamento d’Assemblea, ovvero per termine di tempo a disposizione, per una richiesta di controllo della sussistenza del quorum, oppure per una mozione di rispetto dell’Ordine del Giorno.

24. Ogni oratore deve limitare il suo intervento a quanto è in discussione.

25. Se un civis si comporta ripetutamente in maniera scorretta, il Presidente dell’Assemblea può ordinarne l’allontanamento, secondo il procedimento previsto per l’espulsione al punto 22.

26. A nessuno è concesso di parlare più di una volta su una mozione finché un civis che non abbia ancora parlato su quella mozione desideri prendere la parola. Il Presidente dell’Assemblea fissa la durata degli interventi per ciascun punto in discussione. Nessuno può parlare per più del tempo previsto per il suo intervento dal Presidente dell’Assemblea, senza il permesso dell’Assemblea Nazionale. Un civis non può parlare per la quarta volta su una mozione, salvo il permesso del Presidente dell’Assemblea Nazionale.

27. I civess ono tenuti a mantenere il silenzio quando un altro ha la parola. La violazione verrà considerata comportamento scorretto ai sensi del punto 25. Il Presidente dell’Assemblea ha il compito di fare rispettare l’ordine.

PROCEDURA PER L’ELEZIONE DEGLI AEDILES.

28. La Mailing list dell’Urbs è organo ufficiale per le comunicazioni fra gli Aedilesed i cives e fra i cives medesimi.

29. Chiunque intenda candidarsi alla carica di Aedile comunica la sua intenzione agli Aediles in carica ed ai cives tramite la mailing list dell’Urbs almeno quindici giorni prima della data di svolgimento dell’Assemblea.

30. In caso di assenza di candidature è possibile presentare la propria candidatura all’inizio dell’assemblea, immediatamente dopo la lettura ed eventuale modifica dell’ordine del giorno.

31. Il Presidente dell’Assemblea riceve le candidature, che vengono proclamate all’apertura dei lavori.

32. Prima di procedere alle elezioni, ogni candidato si presenta all’Assemblea per rispondere ad eventuali domande.

33. L’elezione si svolge a scrutinio segreto.

34.  1.E’ proclamato eletto il candidato che ha ottenuto la maggioranza semplice dei voti validi.

2. Qualora nessun candidato ottenga la maggioranza di cui al comma precedente si procede immediatamente a ballottaggio fra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero dei voti.

3. In caso di parità si procede con votazione ad oltranza.

35. Lo spoglio delle schede, effettuato dai rogatores, si svolge in Assemblea immediatamente dopo il voto.

36. Il Presidente dell’Assemblea proclama i risultati.

37. Gli Aediles neo eletti entrano in carica il 1 Marzo di ogni anno.

DABAM ROMAE A. D. III NON FEBRVARIAS MMDCCLVIIAVC (Roma, 3 Febbraio 2004)

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

EDICTVM AEDILICIVM II – DE TABVLARIO ET ALBO CIVIVM VRBIS ROMAE INSTITVENDIS (Istituzione del Tabularium e del’Album Civium dell’Urbs)

Come previsto dal Foedus di costituzione dell’Urbs e dalle disposizioni transitorie relative all’Aedictum Propraetoricium Italiae DE URBE ROMAE RATA HABENDA art.III si stabilisce quanto segue.

I.Con questo edictum viene istituito il sito internet ufficiale dell’Urbs, all’indirizzo http://www.geocities.com/nr_urbs/.

II. Su questo sito sono consultabili il Tabularium e l’Album Civium dell’Urbs (aventi gli indirizzi diretti: http://www.geocities.com/nr_urbs/tabularium e http://www.geocities.com/nr_urbs/albumcivium )

DABAM ROMAE A.D. XVII KALENDAS FEBRUARIIS ANNVN MMDCCLVII AVC

(Roma, 16 Gennaio 2004)

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

EDICTVM AEDILICIVM I – DE CONSTITVTIONE VRBIS

VERBALE COMITIA

M IVL PERVSIANVS DOM CONST FVSCVS AED VRBIS AD INTERIM FR APVLO CAES PROPRAETORI ITALIAE SPD

In ottemperanza a quanto stabilito dall’Edictum Propraetoricium XV DE VRBE ROMAE RATA HABENDA, si è svolto ieri, Domenica 29/02/2004 in Campo Marzio a Roma, l’incontro per l’elezioni degli Aediles Urbis per l’anno 2004.

Erano presenti i seguenti 4 cives Novaromani sui 6 iscritti all’Album Civium: Aurelia Iulia Pulchra Domitius Constantinus Fuscus Flavius Quirinus Albanus Marcus Iulius Perusianus

Marcus Iulius Perusianus ha assunto la Presidenza dell’Assemblea e Aurelia Iulia Pulchra ha svolto le funzioni di Rogator.

All’apertura dell’Assemblea Domitius Constantinus Fuscus e Flavius Quirinus Albanus si sono candidati alle cariche.

Domitius Constantinus Fuscus e Flavius Quirinus Albanus sono risultati vincitori delle elezioni e assumono il titolo di Aediles Urbis a partire da oggi 1 Marzo 2004.

Marcus Iulius Perusianus e Domitius Constantinus Fuscus, lasciano il loro incarico di Aediles Urbis provvisiori come stabilito dall’art.III del succitato Edictum.

DABAM ROMAE A.D.KAL MARTIIS ANNVS 2757 AVC (Roma, 01/04/2004).

Pubblicato in Uncategorized